NAMASTE - accoglienza, giustizia, pace  
Namaste
accoglienza, giustizia, pace
A Falcone e Borsellino
Immagini | Calendario | Mappa | 17 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me
Iscriviti
Password dimenticata?

 Associativa
 :: Chi siamo
 :: Le attività
 :: Manifestazioni per la Pace
 :: Namaste su carta
 :: Pensiero alla pace

 Home
 :: Sostienici...
 :: Per contattarci...
 :: Home page

 Servizi
 :: Gli appuntamenti
 :: I links
 :: Il vecchio sito
 :: Newsletter
 :: Rassegna stampa

 Rubriche d'autore
 :: Diario dalla scuola
 :: La pagina dei Masina
 :: Lettere da Laodicea
 :: Storie dal Concilio

 Rubriche tematiche
 :: Chiesa
 :: Contro tutte le mafie
 :: Dal carcere di Rebibbia
 :: Per la pace
 :: Sulla Giustizia
 :: Una finestra sul mondo
 :: Varie

 Suggerimenti per...
 :: ...l'ascolto
 :: ...la formazione
 :: ...la visione
 :: ...la lettura

 Ricerca
  

NAMASTE - accoglienza, giustizia, pace
Con gli RSS (Really Simple Syndication) puoi visualizzare i titoli degli ultimi articoli pubblicati su Namaste e raggiungere direttamente i contenuti. La visualizzazione può avvenire sia con un lettore installato sul tuo Pc  (es. Feedreader, scaricabile gratuitamente a questo indirizzo http://www.feedreader.com, sia elencarli in una pagina del tuo sito.
"Prendi" l'RSS di Namaste gratis



 Usa OpenOffice.org
  Chiesa
 L'ISLAM – UNA RELIGIONE AGGRESSIVA?

È da poco uscito, nella collana “Giornale di teologia” (299) un interessante libro-intervista di Hans Küng, “Perché un’etica mondiale? Religione ed etica in tempi di globalizzazione”, dove, intervistato dal giornalista tedesco Jürgen Hoeren, il teologo tedesco situa il cristianesimo nel contesto delle religioni e delle culture, affrontando temi di grande attualità. Pubblichiamo alcuni brani sull’Islam.



Una delle esigenze fondamentali è: non c’è pace nel mondo senza pace tra le religioni. A proposito dell’Islam dobbiamo pur far menzione della parola chiave “jihad”. L’Islam oggi non ha pur sempre la fama – o la pretesa – di essere una religione particolarmente aggressiva? Proprio nelle discussioni attuali a proposito dei Taliban e di Osama bin Laden diventa un concetto centrale la parola “guerra santa”.


Per lunghi secoli anche il cristianesimo ha destato questa impressione. Noi cristiani abbiamo, certo, parlato sempre di amore, ma la nostra politica coloniale, dalla scoperta dell’America fino al XIX secolo, anzi fino alla prima guerra mondiale, ha, di fatto, dimostrato il contrario. Perciò io penso che dovremmo essere un po’ più cauti quando vogliamo presentarci come la religione dell’amore istitutrice di pace, e l’Islam come la religione dello jihad.

Jihad” propriamente non significa “guerra santa”, ma “sforzo”, sforzo morale; è questa una nozione che nel frattempo dovrebbe essere stata divulgata. Ora sicuramente neppure un musulmano può contestare che jihad nel Corano, e nella shar_’a – la legge religiosa islamica -, viene spesso usato in connessione con la guerra. È anche vero che ci si poteva attendere che il guerriero della fede intraprendesse sforzi militari. Ma analoghi fenomeni si trovano anche nella Bibbia ebraica; e questi racconti non li abbiamo cancellati solo perché parlano delle “guerre sante di Dio”. In questi testi si parla di molto sangue sparso, e ci sono descrizioni in cui si narra, in parte molto drasticamente, come si sia arrivati a questo. Abbiamo anche dei Salmi di maledizione, che anche oggi si potrebbero indirizzare al nostro peggior nemico. Si deve quindi leggere criticamente sia la tradizione ebraica che quella cristiana – in ogni caso ci si può attendere che anche i musulmani leggano criticamente la propria tradizione. Ciò cercano oggi di fare anche i musulmani aperti, nel senso che cercano di interpretare lo jihad soprattutto come sforzo morale sulla via della salvezza e di venire così a capo dei problemi della violenza nell’Islam. Noi però attraverso l’11 settembre 2001 facciamo anche l’esperienza di come il concetto di “jihad” possa venire abusato dai fanatici politici. Si pone perciò fondamentalmente il problema dell’interpretazione del Corano. L’Islam deve porsi lealmente a confronto con la modernità.

Il problema della violenza per l’Islam è indubbiamente una questione centrale. Non si può, infatti, ignorare che il profeta Maometto, in opposizione a Gesù di Nazaret, non è soltanto un uomo di stato, ma fu anche un generale che ha combattuto militarmente e perciò venne e viene ancora altamente celebrato. A partire da questa storia delle origini l’Islam ha una nota militare, che naturalmente non possiede il cristianesimo. Certo, pure noi cristiani abbiamo fatto nostro l’elemento militante fin dalla svolta costantiniana e abbiamo violentemente sviluppato l’elemento militare nelle crociate, e in questo senso non siamo secondi ai musulmani in fatto di aggressività. Perciò il papa chiede scusa, almeno oggigiorno.

Ciononostante la situazione del problema è diversa nel Cristianesimo e nell’Islam. Infatti, i musulmani che applicano la violenza, in certe circostanze posso richiamarsi al Profeta, mentre il cristiano, che applica la violenza, non può mai richiamarsi a Gesù, il non violento di Nazaret. Sicuramente su questo punto i musulmani devono ancor più riflettere in quanto vogliano confrontarsi con il problema della violenza. Nel cristianesimo oggi il problema è meno quello della violenza che quello dell’esclusività dogmatica, che si fonda su determinati passi, ad esempio del vangelo di Giovanni, o su una frase così bella come: "Io sono la via, la verità e la vita". La pretesa della verità salvifica lungo il tempo venne intesa proprio dalla chiesa cattolica in maniera così esclusiva che si sono mandati all’inferno tutti coloro che avevano una fede diversa. E ci sono molti fondamentalisti protestanti che ancora oggi vorrebbero mandare all’inferno tutti i credenti in maniera diversa e i non credenti.

Ogni religione ha il suo problema, con cui deve combattere, che trova origine nelle sue stesse fonti, il quale, quindi, non si aggiunge solo secondariamente, ma è dato primamente. Ma al riguardo non si può soltanto parlare, ma anche migliorare concretamente qualcosa. In ogni caso, secondo la mia osservazione, è un fatto che la maggior parte dei musulmani che vivono oggi a Gerusalemme, Amman, Islamabad o a Teheran sono esattamente così pacifici come la maggior parte dei cristiani. Crede forse che, ad esempio, i molti milioni di persone che vivono al Cairo provino un qualche piacere ad entrare in guerra contro Israele? Nessuna traccia. Anche se si sarebbe infinitamente contenti – per citare un altro esempio – se si avesse pace in Algeria. È comunque male quello che sta avvenendo, ad esempio, nel Kashmir tra indù e musulmani, tra India e Pakistan. Non di rado si deve osservare che i conflitti religiosi di determinati capi politici vengono sfruttati per accendere le passioni delle masse. Ma anche questo è un problema che noi spesso abbiamo conosciuto nel cristianesimo. L’appello di Bernardo di Chiaravalle alla crociata non era proprio nel senso del discorso della montagna. I paesi arabi soffrono del fatto che hanno avuto ed hanno moltissimi capi, che aizzano emotivamente le masse invece di migliorare la desolata situazione dei loro popoli. Dovrebbe essere fatto qualcosa nel senso dell’intesa tra i popoli anche in relazione alla politica internazionale, specialmente a livello dell’ONU.

© 2004 by Teologi@/Internet
Forum teologico, a cura di Rosino Gibellini
Editrice Queriniana, Brescia (UE)

http://www.queriniana.it/teologia.asp?IDTeologia=27

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Suggerimenti

"Da anni cerco disperatamente di capire perché diavolo i piloti kamikaze indossavano il casco..."

Dave Edison


 Archivio
 :: Buona Pasqua 
 :: ESSERE CRISTIANI QUI… E LA’ DOVE INCOMBONO PAURA E MORTE 
 :: Dove va la Chiesa? 
 :: Il Natale senza uomini 
 :: TRANQUILLITÀ INTERIORE 
 :: L'argent fait la guerre. Cosa sta succedendo in Georgia. 
 :: Libertà di voto 
 :: Pari opportunità per le donne nella Chiesa? 
 :: CELIBATO: OGNI COSA È STATA DETTA, MA TUTTI I PROBLEMI RESTANO APERTI  
 :: QUALE CRISI DEL CRISTIANESIMO IN ASIA? 
 :: VOGLIO VIVERE QUESTI GIORNI CON VOI 
 :: Matrimonio e Ordine. Sacramenti compatibili? 
 :: APARECIDA 2007: La V Conferenza dell'Episcopato Latinoamericano 
 :: Avvio Di Una Riflessione Sul Motu Proprio “Summorum Pontificum” Di Benedetto XVI 
 :: La consultazione dei laici. Come svilupparla? 
 :: Tra famiglia e familiarità 
 :: Pace a voi 
 :: IN TEORIA E IN PRATICA 
 :: Brasile, America Latina e Benedetto XVI 
 :: IL CASO JON SOBRINO: UNA DOMANDA POSTA AL LAVORO DELLA CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE 
 :: GESÙ DI NAZARET RACCONTATO DA BENEDETTO XVI 
 :: TEOLOGIA, A CHE SCOPO? 
 :: Cristologia della sequela nel contesto della teologia della liberazione 
 :: SPIRITUALITÀ PER UN MONDO DIVERSO 
 :: RIFLESSIONI DI UN EX PRIGIONIERO DI AUSCHWITZ 
 :: IL FONDAMENTALISMO: UNA PATOLOGIA DELLA RELIGIONE 
 :: Interrogarsi sulle banche 
 :: IL PUNGIGLIONE FREUD: CRITICA E SUPERAMENTO DELLA RELIGIONE?  
 :: CONFERENZA DI MOLTMANN ALL'UNIVERSITà DI UDINE 
 :: UNA TEOLOGA RIFLETTE SULL'INTERVISTA DEL PAPA ALLE TELEVISIONI TEDESCHE 
 :: LA MARIA MADDALENA BIBLICA 
 :: LA VERITÀ SCOMODA DELLA FEDE 
 :: Nella Chiesa e nella storia 
 :: C'È POCO DA RIDERE. LA CHIESA PUÒ CAMBIARE 
 :: La convivenza nella Chiesa del'Iraq 
 :: Giornata per la vita del 2006 
 :: PREGHIERA PER L'UNITÀ 
 :: DISEGNO INTELLIGENTE: L’EVOLUZIONE PARLA DI DIO?  
 :: Concilio Vaticano II: il grande dono 
 :: I MULINI DI DIO MACINANO LENTAMENTE  
 :: L'ISLAM: MUTAMENTI STORICI – SFIDE ATTUALI 
 :: LA CONTROVERSIA NON È L'ULTIMA PAROLA: Intervista a Rosino Gibellini  
 :: IL FUTURO DELLE RIFORME ECCLESIOLOGICHE DEL CONCILIO VATICANO II 
 :: Quei Magi disobbedienti da Colonia ad Assisi 
 :: L’EREDITA’ DEL CONCILIO VATICANO II 
 :: “DOBBIAMO ESSERE PIU’ INCISIVI”. Intervista con il card. Lehmann  
 :: Frère Roger è entrato nella vita eterna 
 :: LA RELIGIONE NELLA SOCIETÀ POST-SECOLARE: Il dibattito Habermas-Ratzinger  
 :: Ai papaboys non piace Banca Roma 
 :: Giornata Mondiale della Gioventù e Banca di Roma 2 
 :: YVES CONGAR (1904-1995): IN MEMORIAM 
 :: Giornata Mondiale della Gioventù e Banca di Roma 
 :: DITTATURA DEI GENI? 
 :: DOPO LUTERO, RATZINGER 
 :: TEOLOGIA DALLA PERIFERIA: IL FORUM MONDIALE SU TEOLOGIA E LIBERAZIONE DI PORTO ALEGRE 2005 
 :: XIV Conferenza ecumenica mondiale sulla missione 
 :: «INTRODUZIONE AL CRISTIANESIMO» – IERI, OGGI, DOMANI 
 :: A QUARANT’ANNI DALLA COSTITUZIONE CONCILIARE “LUMEN GENTIUM”: LA CENTRALIZZAZIONE DELLA CHIESA È UNO DEI PROBLEMI CHE ANCORA RIMANGONO 
 :: La Quaresima: il rinnovamento del cuore del mondo 
 :: Voi siete la luce del mondo 
 :: PADRE PUGLISI meglio santo che modello da imitare? 
 :: Teologia dall'Europa: percorsi e prospettive 
 :: E DIO IN TUTTO QUESTO? 
 :: Il maremoto del sud-est asiatico, non è un castigo di Dio 
 :: IN MEMORIA DI JACQUES DUPUIS: TEOLOGO FEDELE E CORAGGIOSO 
 :: La tragedia asiatica 
 :: Dio rigetta la nostra pace 
 :: Pensieri di Bonhoeffer sul Natale 
 :: Ti annuncio la pace –domenica della gioia – III di avvento 
 :: Alura Maria la s’è misa a cantar 
 :: Aurora della pace, aurora dell'Immacolata 
 :: JÜRGEN MOLTMANN: UNA TEOLOGIA PER IL REGNO DI DIO A QUARANT'ANNI DALLA «TEOLOGIA DELLA SPERANZA» 
 :: Un regno di pace e di perdono 
 :: ALDILÀ E GLOBALIZZAZIONE: DOVE VA LA TEOLOGIA? 
 :: Desiderio di salvezza 
 :: Teilhard de Chardin per il XXI secolo 
 :: Dentro il costato di Cristo 
 :: Intervista a... 
 :: Grazie, Signore 
 :: Non potete servire Dio e il diavolo 
 :: Facciamo festa 
 :: LA MISSIONE IN UNA CHIESA MONDIALE 
 :: San Pietro: obbedire a chi? 
 :: ALLA RICERCA DELLE TRACCE DI DIO 
 :: TESI SUL CRISTIANESIMO IN UNA EUROPA MULTIRELIGIOSA 
 :: Pietre di scarto 
 :: LA TEOLOGIA DI CONGAR SULLE VIE DELL’UNITÀ E DELLA NUOVA CATTOLICITÀ 
 :: Senza ricchezza né potere. 
 :: LA TEOLOGIA DI KARL RAHNER. PER UN’ALLEANZA TRA MISSIONE E RAGIONE 
 :: PER UNA CASA GRANDE. PER TUTTI I POPOLI DELL'UMANITÀ. La protesta e la proposta della teologia india 
 :: L'ISLAM – UNA RELIGIONE AGGRESSIVA? 
 :: Ci può ancora essere un buon Natale 
 :: Il Natale della chiesa del grembiule (lettera a don Tonino Bello) 
 :: LA NASCITA 
 :: Esiste un "Dio delle donne"? Riflessioni a margine di un dibattito televisivo 
 :: Il punto sulla teologia politica 
 :: Come potete acquistare o vendere il cielo, il calore della terra? 
 :: OFENA, ITALIA: L’IRRUZIONE DELL’ALTRO, L’IDENTITA’ E LE RADICI 
 :: Sul crocefisso in classe 
 :: RIABILITAZIONE PER HANS KÜNG? (di Karl-Joseph Kuschel) 

Avviso pubblico
Associazione Namaste onlus - Ostiglia (MN) - powered website fullxml.com