NAMASTE - accoglienza, giustizia, pace  
Namaste
accoglienza, giustizia, pace
addiopizzo1
Immagini | Calendario | Mappa | 10 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me
Iscriviti
Password dimenticata?

 Associativa
 :: Chi siamo
 :: Le attività
 :: Manifestazioni per la Pace
 :: Namaste su carta
 :: Pensiero alla pace

 Home
 :: Sostienici...
 :: Per contattarci...
 :: Home page

 Servizi
 :: Gli appuntamenti
 :: I links
 :: Il vecchio sito
 :: Newsletter
 :: Rassegna stampa

 Rubriche d'autore
 :: Diario dalla scuola
 :: La pagina dei Masina
 :: Lettere da Laodicea
 :: Storie dal Concilio

 Rubriche tematiche
 :: Chiesa
 :: Contro tutte le mafie
 :: Dal carcere di Rebibbia
 :: Per la pace
 :: Sulla Giustizia
 :: Una finestra sul mondo
 :: Varie

 Suggerimenti per...
 :: ...l'ascolto
 :: ...la formazione
 :: ...la visione
 :: ...la lettura

 Ricerca
  

NAMASTE - accoglienza, giustizia, pace
Con gli RSS (Really Simple Syndication) puoi visualizzare i titoli degli ultimi articoli pubblicati su Namaste e raggiungere direttamente i contenuti. La visualizzazione può avvenire sia con un lettore installato sul tuo Pc  (es. Feedreader, scaricabile gratuitamente a questo indirizzo http://www.feedreader.com, sia elencarli in una pagina del tuo sito.
"Prendi" l'RSS di Namaste gratis



Namaste è associata a Libera
  Chiesa
 Teilhard de Chardin per il XXI secolo

Si terrà a Roma, alla Pontificia Università Gregoriana, dal 21 al 24 ottobre 2004 il Convegno internazionale Teilhard de Chardin, promosso dall’Associazione Italiana teilhardiana e dall’Associazione Francese teilhardiana. 
Anticipiamo l’intervento di Rosino Gibellini, in apertura della tavola rotonda.

Si terrà a Roma, alla Pontificia Università Gregoriana, dal 21 al 24 ottobre 2004 il Convegno internazionale Teilhard de Chardin, promosso dall’Associazione Italiana teilhardiana e dall’Associazione Francese teilhardiana. Il titolo del Convegno internazionale è “Un mondo in evoluzione: fede scienza e teologia”. Il Convegno sarà aperto da una allocuzione del rev. p. Kolvenbach, Preposito Generale della Compagnia di Gesù. Il Convegno esaminerà la complessa opera teilhardiana dal punto di vista scientifico, filosofico e teologico. La dimensione teologica dell’opera di Teilhard de Chardin (1881-1955) sarà esaminata da: Gerald O’Collins dell’Università Gregoriana, Rosino Gibellini, Carlo Molari, André Dupleix, Gustave Martelet, Georges Chantraine. Il Convegno romano è bilingue, con testi approntati in lingua italiana e in lingua francese, e apre le celebrazioni in occasione del 50° anniversario della morte del grande gesuita, avvenuta a New York nel giorno di Pasqua del 1955. Il momento centrale di questo cinquantenario sarà il congresso di New York che avrà come tema “Mondializzazione e avvenire dell’uomo”, nell’aprile 2005.
Anticipiamo l’intervento di Rosino Gibellini, in apertura della tavola rotonda sulla visione teologica di Teilhard de Chardin.

Quando Teilhard de Chardin, reduce dal suo esilio in Cina, venne a Roma per ottenere, come gesuita, l’autorizzazione ad accettare la cattedra che gli veniva offerta al Collège de France (l’autorizzazione non gli sarà accordata), e per ottenere l’imprimatur alla sua opera Le Phénomène humain (il volume uscirà postumo), entrando nella basilica di San Pietro ebbe la sensazione – come confessa nelle sue Lettres de voyage – di essere arrivato al luogo, dove si situa «il polo cristico» della terra, dove passa l’asse ascensionale dell’ominizzazione. Roma, a questo grande viaggiatore, immunizzato com’era nei confronti del passato e del pittoresco, non poteva dare alcuna emozione estetica, ma gli dava la coscienza di essere approdato ad uno «straordinario focolare di irradiazione universale», al luogo dove «si cefalizza» lo spirito della terra.

Questa immagine, che ricorre più volte – non solo come metafora, ma formulata come «principio scientifico» - negli scritti del “Gesuita proibito”, come lo ha definito lo scrittore italiano Gianfranco Vigorelli, si è fatta spontaneamente avanti a me, quando ho ricevuto l’invito a partecipare a questo convegno romano nell’Alma Mater della Pontificia Università Gregoriana, di cui sono stato alunno. Roma non si è dimostrata ospitale verso questo cercatore della verità, di cui il grande libro del teologo francese (poi cardinale) Henry de Lubac ha dimostrato la «rettitudine sostanziale dell’orientamento» del suo pensiero religioso e la passione della sua fede cattolica. Questo convegno romano – bilingue –, oltre che come congresso di studio, figura anche come riconoscimento postumo del suo contributo al pensiero teologico del XX secolo.


1. Se il filosofo neoscolastico Paul Grenet ha potuto scrivere un saggio su Teilhard de Chardin dal titolo polemico, ma espressivo, Pierre Teilhard de Chardin ou le philosophe malgré lui (1960), si potrebbe anche sostenere che Teilhard è teologo «suo malgrado». Teilhard è innanzitutto uno scienziato, come documentano la sua attività e i suoi scritti scientifici, ma la legge, tipicamente teilhardiana, di complessità-coscienza, che gli permette di decifrare, in qualità di geologo e paleontologo, gli archivi del passato, lo orienta anche alla decifrazione delle direttrici di marcia dell’umanità fino ad intravedere il punto terminale di approdo del processo evolutivo: il Punto Omega, immettendolo in una problematica filosofica e teologica. La cosmogenesi e la biogenesi si prolungano in noogenesi; la noogenesi sale irreversibilmente verso Omega, centro personale di deriva universale, trascendente il tempo e lo spazio, che fonda, anima e darà consumazione al processo evolutivo; e il Punto Omega va assumendo la figura teologica del Cristo universale.
Forse l’opera di Teilhard de Chardin è l’ultima sintesi dei tempi moderni: egli ha sentito il bisogno di sintesi del sapere e ha rischiato una sua sintesi.
Nella prefazione a Il Fenomeno umano scrive: «Come accade ai meridiani nelle vicinanze del polo, scienza, filosofia e religione convergono nelle vicinanze del Tutto. Convergono, ripeto, ma senza confondersi, e senza cessare, fino all’ultimo, di affrontare il Reale sotto angoli e su piani diversi».
È la ricerca di una sintesi, che lo accompagna per tutta la vita, e che in uno degli ultimi testi, scritti prima della sua morte, esprime in linguaggio esistenziale nelle parole-chiave «Ricerca, lavoro e adorazione». Scrive Teilhard: «“Faccia tranquillamente della Scienza, senza occuparsi di filosofia, né di teologia…”.
Questo è il consiglio (e l’avvertimento) che l’autorità mi avrà ripetuto, durante tutta la vita.
Questa è ancora, immagino, la direttiva data ai numerosi e brillanti puledri lanciati oggi, molto opportunamente, nel campo della Ricerca.
Ma questo è anche l’atteggiamento, vorrei far notare a chi di diritto, rispettosamente, – e tuttavia con la sicurezza che mi viene da cinquant’anni passati nel cuore del problema, – psicologicamente impossibile da vivere e direttamente contrario, del resto, alla maggior gloria di Dio».


2. Il contributo di Teilhard de Chardin alla teologia è notevole.

- In sede di teologia della creazione, ha operato per una corretta concettualizzazione del rapporto tra Dio e mondo in evoluzione; e ha posto con estrema acutezza il problema di una nuova interpretazione del peccato originale per superare l’angusta rappresentazione tradizionale, che farebbe del peccato originale – come si esprime nelle Riflessioni del 1947, che riprendono la famosa Nota del 1922 – «un accidente sopravvenuto, verso la fine del Terziario, in un angolo del pianeta Terra». E, così, l’opera di Teilhard rappresenta la prima risposta, critica e articolata, della teologia cristiana, alla sfida lanciata da Darwin con L’origine della specie del 1859 e con il darwinismo che ne è seguito. La soluzione di Teilhard sarà ripresa nelle sue linee essenziali da teologi come Karl Rahner e l’olandese Piet Schoonenberg e introdotta nella riflessione teologica come un dato ormai acquisito sul rapporto tra creazione e evoluzione.

- In sede cristologica, Teilhard ha operato una «dinamizzazione» dell’evento del Cristo, elaborando ed illustrando la categoria del Cristo universale (che ricomprende quelle del Cristo cosmico, e quella, più controversa, del Cristo evolutore), che dilata gli orizzonti del «fenomeno cristiano», ed è destinata a mostrare la sua fecondità ermeneutica anche nella teologia delle religioni – un cantiere che attualmente lavora a pieno ritmo –, e nella problematica, ora solo intravista, connessa con la possibile pluralità di mondi abitati.

- In sede escatologica, Teilhard ha mostrato come la prospettiva cristiana non è disattivante (una fuga dal mondo), ma al contrario può risultare superattivante, come ricerca del senso finale, capace di orientare ed alimentare l’azione umana, incidendo efficacemente nel superamento del tradizionale pessimismo religioso nel confronti del mondo, anticipando così le istanze delle teologie orientate alla prassi, come la teologia politica, la teologia della liberazione e le teologie del Terzo Mondo.

L’opera di Teilhard appartiene anche alla storia della spiritualità e della mistica, come ha dimostrato ampiamente la teologa di Bristol, Ursula King, nella sua recente opera Exploring Spirituality with Teilhard (1997): la spiritualità teilhardiana è una spiritualità della presenza nel mondo; una spiritualità che riconosce l’importanza dell’amicizia e degli affetti umani, come dimostrano i suoi numerosi epistolari, in particolare i suoi epistolari con donne amiche; una spiritualità, nella migliore tradizione ignaziana, che conduce a trovare Dio in tutte le cose, non solo in ambito religioso, nella preghiera e nella meditazione, ma in tutte le esperienze e attività umane.


3. L’opera di Teilhard, come hanno evidenziato gli studi più documentati, non va esente da critiche, sia sotto il profilo metodologico: procede con una certa «approssimazione» nell’accostare dati scientifici, concetti filosofici e dottrine teologiche; sia sotto il profilo contenutistico: corre, a volte, il rischio di «razionalizzare» i contenuti della fede, inserendoli nello schema evolutivo.
A queste critiche – peraltro ormai ampiamente discusse – si sono aggiunte più recentemente le puntualizzazioni provenienti dalla comunità ecologica, come avverte, tra gli altri, il nord-americano Thomas Berry, profondo conoscitore dell’opera del pensatore francese, ma che, andando oltre Teilhard, propone una filosofia della riconciliazione tra gli Umani e la Terra (cf. Befriending the Earth. A Theology of Reconciliation between Humans and the Earth, 1991). Egli scrive: «E così, mentre Teilhard è indispensabile per comprendere i grandi modelli dell’orientamento della vita, il suo pensiero non deve subire delle fissazioni. Tematiche che erano secondarie o scarsamente percepite durante la sua vita sono andate imponendosi con crescente urgenza. E tra queste tematiche deve essere innanzitutto menzionato il rapporto Umani-Terra. […] Mentre Teilhard insisteva sull’attivazione della più alta espressione della vita, stava prendendo piede la distruzione delle forme esistenti della vita. Alla critica all’opera di Teilhard proveniente dalla comunità scientifica e alla critica proveniente dalla comunità teologica, si deve ora aggiungere la critica proveniente dalla comunità ecologica». Thomas Berry prosegue mostrando come le critiche all’opera di Teilhard, provenienti dalle due prime istanze – scientifica e teologica – hanno condotto a rettificare il suo pensiero, ma insieme a far emergere il valore delle sue intuizioni di base. E così, ora, la presa in considerazione delle critiche della comunità ecologica, porterà a chiarificazioni, «ma non a cancellare le grandi visioni del passato, bensì a portarle ad una nuova e più fruttuosa efficacità del presente».
Credo sia questo un metodo produttivo. Deve continuare il lavoro filologico e storiografico di approfondimento dell’opera di Teilhard, ma insieme non si deve irrigidire o fossilizzare la sua opera, ma riprenderla nella sua visione e nelle sue intuizioni di fondo nel contesto delle nuove problematiche, per renderla capace di “attivazione” (per usare una sua espressione) nei nuovi contesti di pensiero, culturali e teologici.


Opere di Teilhard de Chardin

- Il fenomeno umano
, Queriniana, Brescia 20012
- L'ambiente divino. Saggio di vita interiore, Queriniana, Brescia 20033
- Inno dell'Universo, Queriniana, Brescia 20003
- Il cuore della Materia, Queriniana, Brescia 19982
- La mia fede. Scritti teologici, Queriniana, Brescia 1993


- Sulla felicità, Queriniana, Brescia 19984
- Sull'amore, Queriniana, Brescia 19983
- Sulla sofferenza, Queriniana, Brescia 20013
- La Messa sul mondo, Queriniana, Brescia 19962
- Il sacerdote, Queriniana, Brescia 1991
- Meditazioni e preghiere cosmiche, Queriniana, Brescia 1994


- Rosino Gibellini, Teilhard de Chardin. L'opera e le interpretazioni, Queriniana, Brescia 19923



© 2004 by Teologi@/Internet
Forum teologico, a cura di Rosino Gibellini
Editrice Queriniana, Brescia (UE)

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Suggerimenti

"Non esiste nessuno al mondo che combini più guai degli esseri umani. Mi fanno impazzire! Quando penso agli esseri umani, divento così furioso che quasi mi metterei ad urlare."

Snoopy


 Archivio
 :: Buona Pasqua 
 :: ESSERE CRISTIANI QUI… E LA’ DOVE INCOMBONO PAURA E MORTE 
 :: Dove va la Chiesa? 
 :: Il Natale senza uomini 
 :: TRANQUILLITÀ INTERIORE 
 :: L'argent fait la guerre. Cosa sta succedendo in Georgia. 
 :: Libertà di voto 
 :: Pari opportunità per le donne nella Chiesa? 
 :: CELIBATO: OGNI COSA È STATA DETTA, MA TUTTI I PROBLEMI RESTANO APERTI  
 :: QUALE CRISI DEL CRISTIANESIMO IN ASIA? 
 :: VOGLIO VIVERE QUESTI GIORNI CON VOI 
 :: Matrimonio e Ordine. Sacramenti compatibili? 
 :: APARECIDA 2007: La V Conferenza dell'Episcopato Latinoamericano 
 :: Avvio Di Una Riflessione Sul Motu Proprio “Summorum Pontificum” Di Benedetto XVI 
 :: La consultazione dei laici. Come svilupparla? 
 :: Tra famiglia e familiarità 
 :: Pace a voi 
 :: IN TEORIA E IN PRATICA 
 :: Brasile, America Latina e Benedetto XVI 
 :: IL CASO JON SOBRINO: UNA DOMANDA POSTA AL LAVORO DELLA CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE 
 :: GESÙ DI NAZARET RACCONTATO DA BENEDETTO XVI 
 :: TEOLOGIA, A CHE SCOPO? 
 :: Cristologia della sequela nel contesto della teologia della liberazione 
 :: SPIRITUALITÀ PER UN MONDO DIVERSO 
 :: RIFLESSIONI DI UN EX PRIGIONIERO DI AUSCHWITZ 
 :: IL FONDAMENTALISMO: UNA PATOLOGIA DELLA RELIGIONE 
 :: Interrogarsi sulle banche 
 :: IL PUNGIGLIONE FREUD: CRITICA E SUPERAMENTO DELLA RELIGIONE?  
 :: CONFERENZA DI MOLTMANN ALL'UNIVERSITà DI UDINE 
 :: UNA TEOLOGA RIFLETTE SULL'INTERVISTA DEL PAPA ALLE TELEVISIONI TEDESCHE 
 :: LA MARIA MADDALENA BIBLICA 
 :: LA VERITÀ SCOMODA DELLA FEDE 
 :: Nella Chiesa e nella storia 
 :: C'È POCO DA RIDERE. LA CHIESA PUÒ CAMBIARE 
 :: La convivenza nella Chiesa del'Iraq 
 :: Giornata per la vita del 2006 
 :: PREGHIERA PER L'UNITÀ 
 :: DISEGNO INTELLIGENTE: L’EVOLUZIONE PARLA DI DIO?  
 :: Concilio Vaticano II: il grande dono 
 :: I MULINI DI DIO MACINANO LENTAMENTE  
 :: L'ISLAM: MUTAMENTI STORICI – SFIDE ATTUALI 
 :: LA CONTROVERSIA NON È L'ULTIMA PAROLA: Intervista a Rosino Gibellini  
 :: IL FUTURO DELLE RIFORME ECCLESIOLOGICHE DEL CONCILIO VATICANO II 
 :: Quei Magi disobbedienti da Colonia ad Assisi 
 :: L’EREDITA’ DEL CONCILIO VATICANO II 
 :: “DOBBIAMO ESSERE PIU’ INCISIVI”. Intervista con il card. Lehmann  
 :: Frère Roger è entrato nella vita eterna 
 :: LA RELIGIONE NELLA SOCIETÀ POST-SECOLARE: Il dibattito Habermas-Ratzinger  
 :: Ai papaboys non piace Banca Roma 
 :: Giornata Mondiale della Gioventù e Banca di Roma 2 
 :: YVES CONGAR (1904-1995): IN MEMORIAM 
 :: Giornata Mondiale della Gioventù e Banca di Roma 
 :: DITTATURA DEI GENI? 
 :: DOPO LUTERO, RATZINGER 
 :: TEOLOGIA DALLA PERIFERIA: IL FORUM MONDIALE SU TEOLOGIA E LIBERAZIONE DI PORTO ALEGRE 2005 
 :: XIV Conferenza ecumenica mondiale sulla missione 
 :: «INTRODUZIONE AL CRISTIANESIMO» – IERI, OGGI, DOMANI 
 :: A QUARANT’ANNI DALLA COSTITUZIONE CONCILIARE “LUMEN GENTIUM”: LA CENTRALIZZAZIONE DELLA CHIESA È UNO DEI PROBLEMI CHE ANCORA RIMANGONO 
 :: La Quaresima: il rinnovamento del cuore del mondo 
 :: Voi siete la luce del mondo 
 :: PADRE PUGLISI meglio santo che modello da imitare? 
 :: Teologia dall'Europa: percorsi e prospettive 
 :: E DIO IN TUTTO QUESTO? 
 :: Il maremoto del sud-est asiatico, non è un castigo di Dio 
 :: IN MEMORIA DI JACQUES DUPUIS: TEOLOGO FEDELE E CORAGGIOSO 
 :: La tragedia asiatica 
 :: Dio rigetta la nostra pace 
 :: Pensieri di Bonhoeffer sul Natale 
 :: Ti annuncio la pace –domenica della gioia – III di avvento 
 :: Alura Maria la s’è misa a cantar 
 :: Aurora della pace, aurora dell'Immacolata 
 :: JÜRGEN MOLTMANN: UNA TEOLOGIA PER IL REGNO DI DIO A QUARANT'ANNI DALLA «TEOLOGIA DELLA SPERANZA» 
 :: Un regno di pace e di perdono 
 :: ALDILÀ E GLOBALIZZAZIONE: DOVE VA LA TEOLOGIA? 
 :: Desiderio di salvezza 
 :: Teilhard de Chardin per il XXI secolo 
 :: Dentro il costato di Cristo 
 :: Intervista a... 
 :: Grazie, Signore 
 :: Non potete servire Dio e il diavolo 
 :: Facciamo festa 
 :: LA MISSIONE IN UNA CHIESA MONDIALE 
 :: San Pietro: obbedire a chi? 
 :: ALLA RICERCA DELLE TRACCE DI DIO 
 :: TESI SUL CRISTIANESIMO IN UNA EUROPA MULTIRELIGIOSA 
 :: Pietre di scarto 
 :: LA TEOLOGIA DI CONGAR SULLE VIE DELL’UNITÀ E DELLA NUOVA CATTOLICITÀ 
 :: Senza ricchezza né potere. 
 :: LA TEOLOGIA DI KARL RAHNER. PER UN’ALLEANZA TRA MISSIONE E RAGIONE 
 :: PER UNA CASA GRANDE. PER TUTTI I POPOLI DELL'UMANITÀ. La protesta e la proposta della teologia india 
 :: L'ISLAM – UNA RELIGIONE AGGRESSIVA? 
 :: Ci può ancora essere un buon Natale 
 :: Il Natale della chiesa del grembiule (lettera a don Tonino Bello) 
 :: LA NASCITA 
 :: Esiste un "Dio delle donne"? Riflessioni a margine di un dibattito televisivo 
 :: Il punto sulla teologia politica 
 :: Come potete acquistare o vendere il cielo, il calore della terra? 
 :: OFENA, ITALIA: L’IRRUZIONE DELL’ALTRO, L’IDENTITA’ E LE RADICI 
 :: Sul crocefisso in classe 
 :: RIABILITAZIONE PER HANS KÜNG? (di Karl-Joseph Kuschel) 

26 pace
Associazione Namaste onlus - Ostiglia (MN) - powered website fullxml.com