NAMASTE - accoglienza, giustizia, pace  
Namaste
accoglienza, giustizia, pace
addiopizzo1
Immagini | Calendario | Mappa | 19 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me
Iscriviti
Password dimenticata?

 Associativa
 :: Chi siamo
 :: Le attività
 :: Manifestazioni per la Pace
 :: Namaste su carta
 :: Pensiero alla pace

 Home
 :: Sostienici...
 :: Per contattarci...
 :: Home page

 Servizi
 :: Gli appuntamenti
 :: I links
 :: Il vecchio sito
 :: Newsletter
 :: Rassegna stampa

 Rubriche d'autore
 :: Diario dalla scuola
 :: La pagina dei Masina
 :: Lettere da Laodicea
 :: Storie dal Concilio

 Rubriche tematiche
 :: Chiesa
 :: Contro tutte le mafie
 :: Dal carcere di Rebibbia
 :: Per la pace
 :: Sulla Giustizia
 :: Una finestra sul mondo
 :: Varie

 Suggerimenti per...
 :: ...l'ascolto
 :: ...la formazione
 :: ...la visione
 :: ...la lettura

 Ricerca
  

 News da Peacereporter
XML parseError on line 0, reason : System error: -2147012889.

NAMASTE - accoglienza, giustizia, pace
Con gli RSS (Really Simple Syndication) puoi visualizzare i titoli degli ultimi articoli pubblicati su Namaste e raggiungere direttamente i contenuti. La visualizzazione può avvenire sia con un lettore installato sul tuo Pc  (es. Feedreader, scaricabile gratuitamente a questo indirizzo http://www.feedreader.com, sia elencarli in una pagina del tuo sito.
"Prendi" l'RSS di Namaste gratis


Namaste è associata a Libera
  Per la pace
 Cessate il fuoco 20/2005 dal 21 al 27/5 2005
Il bollettino settimanale delle guerre e dei conflitti in corso n.20- 2005 dal 21 al 27/5
Fonte: © peacereporter
India. Il 22, 2 bombe sono esplose in due cinema di Nuova Delhi uccidendo 1 persona e ferendone altre 49. Non si conoscono ancora i mandanti degli attentati, ma nelle due sale si stava proiettando un film molto criticato dai capi religiosi Sikh.
 
Kashmir indiano. Il 20, almeno 4 soldati indiani sono stati uccisi da presunti ribelli separatisti in una zona boscosa del territorio conteso da India e Pakistan.
Il 21, 2 contadini sono stati uccisi da uomini non identificati nel villaggio di Tral, a sud della capitale Srinagar. L'esplosione di una granata ha provocato la morte di 1 presunto ribelle e altri 3 uomini, sospettati di essere militanti islamici, hanno perso la vita in diversi scontri con i soldati indiani.
Il 23, 1 civile è morto in un’esplosione,  un guerrigliero è stato freddato dalle truppe indiane e 2 persone sono state uccise da presunti militanti islamici.
Il 24, 3 persone sono state uccise e altre 4 ferite da presunti ribelli, mentre 4 guerriglieri hanno perso la vita in diversi scontri con i soldati indiani.
Intanto il 26 India e Pakistan hanno cominciato i colloqui per fermare gli scontri nel ghiacciaio del Siachen, uno dei luoghi di battaglia più alti al mondo (5.500 metri di altitudine). I militanti islamici combattono per l’autonomia della regione dal 1989 e finora sono morte almeno 40mila persone.
 
Indonesia. Il 26, 4 persone, 3 miliziani e 1 soldato, sono morti negli scontri tra esercito indonesiano e ribelli nell'instabile provincia settentrionale di Aceh. Lo ha reso noto la polizia, a poche ore da una nuova sessione negoziale tra le due parti in conflitto. I negoziatori indonesiani e i responsabili del Gam (Movimento per Aceh libero) hanno infatti raggiunto Helsinki per il quarto round di colloqui, fissati per cercare di porre fine a un conflitto trentennale che ha provocato 12 mila morti dal 1976.
 
Nepal. Il 25, l’esercito nepalese ha annunciato di aver trovato i corpi di 25 maoisti uccisi in diversi scontri con le forze di sicurezza nepalesi nel sudest del Paese. La guerra tra maoisti ed esercito governativo nel regno himalayano è cominciata nel 1996 e finora ha causato circa 12mila vittime.
 
Afghanistan. Il 21 un ordigno telecomandato è esploso al passaggio di un blindato Usa nel distretto di Shinkay, nella provincia di Zabul: un soldato statunitense è morto.
Poche ore dopo, un altro agguato nella vicina provincia di Paktitka: una dozzina di guerriglieri ha assaltato una pattuglia Usa in perlustrazione nella zona montagnosa di Pipali, lungo la frontiera con il Pakistan: 3 soldati sono stati feriti. Sono subito intervenuti elicotteri da combattimento e cacciabombardieri Usa che hanno messo in fuga e poi inseguito gli attaccanti, uccidendo dodici talebani. Le bombe sono cadute anche in territorio pachistano, nella zona di Lwara Mandai, in Waziristan, uccidendo cinque civili che stavano facendo legna nella zona.
Il 23 nella provincia centrale di  Uruzgan i talebani hanno attaccato alcuni soldati Usa appena sbarcati da un elicottero Chinook: i militari hanno risposto al fuoco uccidendo due guerriglieri e mettendone in fuga altri sei. Questi si sono nascosti nelle caverne di una vicina montagna che sono state poi pesantemente bombardate dall'aviazione Usa chiamata ad intervenire.
Lo stesso giorno, in circostanze ancora non chiarite, è morto un militare Usa della Guardia Nazionale. Dall’inizio di marzo sono 28 i soldati Usa caduti in Afghanistan.
 
Cecenia (Fed. Russa). Il 19 i comandi russi hanno dichiarato di aver ucciso 14 guerriglieri ceceni in diverse azioni militari.
Il 20 gli indipendentisti hanno sferrato una serie di attacchi nella zona di Grozny uccidendo 4 soldati russi.
Successivamente i comandi della guerriglia hanno annunciato anche l’uccisione di 2 miliziani collaborazionisti ceceni, sempre nella zona di Grozny.
Il 24 e 25 si sono verificati violenti combattimenti nelle regioni montane del sud della Cecenia: come risultato 2 guerriglieri e 3 soldati russi sono morti nel distretto di Vedenò e 3 guerriglieri e 8 soldati russi sono rimasti uccisi nel distretto di Nojay-Yurt.
Il conflitto ceceno continua a contagiare anche le repubbliche confinanti, soprattutto il Daghestan, dove il 20 in un attentato è stato ucciso un ministro del governo, Zagir Arukhov e il 24 è stato assassinato un alto ufficiale di polizia, Magomedhan Gitinov. Quest’ultima azione è stata rivendicata dalla guerriglia islamica anti-russa daghestana ‘gemellata’ con quella cecena.
 
Iraq. Il 19, Ali Hameed, un alto funzionario del ministero del Petrolio iracheno e Sayid Mohammed Al-Allaf, un assistente dell’ Ayatollah al-Sistani, sono stati ammazzati in diverse circostanze a Baghdad. 7 persone sono state uccise a Mosul, durante un conflitto a fuoco. Un soldato è stato ucciso da un'autobomba ad un check-point a sud della capitale, 8 persone sono rimaste ferite. Un altro soldato, è morto nel quartiere di Doura nell'esplosione di un ordigno che ha ferito altre 3 persone. Il 20, 2 iracheni sono rimasti uccisi nell'esplosione di un'autobomba comandata a distanza davanti ad una moschea sciita a sud di Baghdad, 5 persone, tra cui una madre e 2 bimbi, sono rimaste ferite. 2 soldati dell'esercito iracheno sono stati uccisi dall'esplosione di una autobomba al passaggio di un convoglio militare nella parte settentrionale di Baghdad. 2 militari sono stati uccisi da colpi d’arma da fuoco sparati contro il loro convoglio nel centro di Baghdad, Un razzo ha colpito il carcere di Abu Ghraib, 5 detenuti sono rimasti feriti. Una manifestazione a Nassiriya è degenerata in uno scontro a fuoco tra miliziani legati al leader sciita Moqtada Al Sadr e i poliziotti di vigilanza al palazzo del Governatore. Il bilancio è di 10 feriti.
Il 21, 2 iracheni sospetti sono stati uccisi da soldati iracheni a un posto di blocco a sud di Baghdad. Scoperti i corpi di 3 civili uccisi da armi da fuoco in una zona agricola vicino Latifiyah. 6 soldati iracheni sono morti ed altri 6 sono rimasti feriti in un attacco degli insorti nei pressi di Baiji. Un soldato americano è stato ucciso a Tikrit dall’esplosione di un’autobomba. Il 22, Ali Mussa Salman, direttore generale del ministero del commercio iracheno è stato ucciso a Baghdad da uomini armati, ferito il suo autista e altre 3 persone. A Kirkuk, un civile iracheno è stato ucciso quando alcuni ribelli hanno attaccato un convoglio con esplosivi. 5 insorti sono stati uccisi, 11 feriti e 16 arrestati in un raid condotto da una forza congiunta di 850 soldati americani e iracheni nelle città di Mahmoudiya e Yusufiyah, a sud di Baghdad. Un soldato americano è stato ucciso e altri 2 sono rimasti feriti in un attentato suicida a nord di Baghdad. L'esplosione ha provocato anche il ferimento di 4 poliziotti iracheni e di altrettanti bambini. A Baghdad, un cecchino ha aperto il fuoco contro una pattuglia della polizia irachena uccidendo un agente e ferendo altre 9 civili. Due autobombe sono esplose contro altrettanti convogli militari americani a nord di Baghdad senza provocare vitime. I 3 giornalisti rumeni rapiti in Iraq il 28 marzo sono stati liberati. 2 soldati americani sono morti nel nord dell'Iraq, uno per un autobomba a Tikrit e l'altro in un incidente stradale presso Kirkuk. Il 23, un consigliere del gabinetto dei ministri iracheno, Wael al-Rubaie, è stato assassinato a Baghdad da uomini armati. 2 soldati iracheni sono rimasti uccisi e uno è rimasto ferito da colpi di mortaio sparati contro una base militare irachena a Samarra. Un'autobomba contro il convoglio di Mohammed Mahmoud Jigareti dell'Unione Patriottica del Kurdistan, ha ucciso 5 persone pressi di Kirkuk. Un'autobomba esplosa nelle vicinanze di un ristorante a nord di Baghdad ha provocato 8 morti e 107 feriti. In un video circolato in rete, 3 ostaggi, 2 iracheni e un giordano, confessano di aver prestato servizio per società di trasporti utilizzate dal comando Usa e vengono uccisi. 4 civili sono stati uccisi a Tuz Khurmatu, a sud di Kirkuk dall’esplosione di una camionetta-bomba. Altre 4 persone sono rimaste ferite. Un’autobomba è esplosa davanti a una moschea sciita a sud di Baghdad. 5 persone sono morte e 19 sono rimaste ferite. Due autobombe sono esplose davanti all’ufficio del leader turcomanno sciita Hasan Bagdash, nella città di Tal Afar, vicino a Mossul provocando 35 morti e 25 feriti. Il 24, è di almeno 6 morti e 8 feriti il bilancio dell'attacco suicida avvenuto in mattinata nel centro di Baghdad. 5 civili iracheni, tra cui un bambino, sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco nel villaggio di Hurriyah, a sud di Baghdad. 4 soldati americani sono stati uccisi in due distinti attentati nel centro di Baghdad. 5 agenti di polizia sono rimasti uccisi e numerosi giovani studenti feriti nell’esplosione di un’autobomba vicino ad una scuola nella capitale irachena. Il 25, i militari statunitensi hanno ucciso 4 ribelli iracheni in un'offensiva nell'ovest dell'Iraq. Si conclude l’oprazione Squeeze Play delle forze Usa e irachene contro gli attacchi terroristici: il numero dei presunti ribelli arrestati è 440. Il capo della polizia di Sharqat, Mikhlif Khalaf, è rimasto ucciso in un attacco della guerriglia alla sua auto a Mosul.
 
Israele-Palestina. Il 21, miliziani del movimento sciita libanese Hezbollah hanno bombardato con colpi di mortaio delle postazioni israeliane nella zona di confine contesa delle Fattorie di Shebaa in risposta a un precedente bombardamento d’artiglieria dell’ esercito d’Israele. Nel bombardamento israeliano sono state danneggiate cinque abitazioni nel villaggio libanese di Shebaa, a ridosso della zona di confine contesa.
Il 25 Amnesty International ha diffuso il suo report annuale sul rispetto dei diritti umani. Nel documento si afferma che: ”Israele ha ucciso nel 2004 oltre 700 palestinesi, fra cui 150 bambini e adolescenti. La maggior parte sono stati uccisi illegalmente: con spari avventati, bombardamenti ed attacchi aerei su aree civili, con uccisioni mirate, e con un ricorso eccessivo alla forza. Alcuni abusi commessi da Israele, si legge nel testo, rappresentano crimini contro l’umanità e crimini di guerra. Il testo critica aspramente anche i gruppi armati dell’intifada: la loro scelta di civili israeliani come obiettivo deliberato rappresenta un crimine contro l’umanità”.
 
Turchia. Il 25, due militari e due guardiani di villaggio sono rimasti uccisi in un’imboscata tesa da militanti del Pkk ad un veicolo militare nei pressi della città orientale turca di Batman.
 
Colombia. Il 20 i ribelli colombiani hanno teso un’imboscata a un convoglio di polizia, iniziando uno scontro a fuoco con le forse governative lungo il confine con l’Ecuador. Morti 13 poliziotti. L’attacco, sferrato dai guerriglieri delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc), pare essere una risposta alle bombe lanciate da aerei militari su un gruppo di guerriglieri che stavano camminando nella selva del sud, e che hanno ucciso 16 combattenti.   
Il 23 sette indios Nukak Makú sono rimasti feriti per l’esplosione di varie granate in un campo di addestramento militare che sorge nel cuore della riserva indigena. Questa almeno la versione ufficiale, anche se le associazioni vicine agli indios parlano di un campo minato non segnalato, che prima faceva parte di un’area militare ora dimessa. La Colombia è uno dei paesi a più alta densità di mine al mondo, disseminate un po’ ovunque da entrambe le parti in lotta.
Il 25 un gruppo di uomini armati ha ucciso 6 consiglieri comunali, il presidente del consiglio e 4 poliziotti . Secondo il dipartimento di sicurezza amministrativa a sparare sarebbero state le Farc. E’ accaduto a Puerto Rico, paese a 310 chilometri a sud di Bogotá. I sette amministratori sono stai uccisi durante la seduta consiglio comunale, mentre i poliziotti sono stati freddati all’interno del dipartimento di polizia.
  
Uganda. 20. Samuel Okullu, uno dei più importanti leader dei ribelli del nord, è stato ucciso. La notizia è stato reso noto solo oggi da fonti ufficiali dell'esercito. Il guerrigliero sarebbe stato assassinato durante un combattimento con le truppe regolari a Kilat.
 
Congo. 25. In  una violenta battaglia scoppiata a Kisangani, località più importante del nord-est della Repubblica Democratica del Congo, hanno perso la vita 2 uomini uno fra le file della pattuglia mista governativa e l'altro fra le milizie dei Mai-Mai, teoricamente alleata delle truppe regolari.

 
 Pagine piu' visitate
 :: Per la pace
 :: Chiesa
 :: Lettere da Laodicea
 :: Pensiero alla pace
 :: Una finestra sul mondo

 Suggerimenti

"Il nostro compito quali esseri umani consiste nel compiere, all'interno della nostra propria, unica, personale esistenza, un passo in avanti nella strada che dalla bestia porta all'uomo"

Hermann Hesse


 Archivio
 :: Vogliamo un mondo di pace, vogliamo essere uomini e donne di pace 
 :: MAI PIU' LA GUERRA 
 :: QUALE FESTA DELLA REPUBBLICA? 
 :: 2 GIUGNO: FESTA DI POPOLO 
 :: LA PAROLA PACE E LA PAROLA GUERRA 
 :: L’Italia ripudia la guerra: educhiamo alla pace 
 :: Bombe o Pavesini? 
 :: Marcia Perugia-Assisi 2011 
 :: Libia: intervenire è difficile, non impossibile! 
 :: Libia – Italia: l'imbarazzata complicità 
 :: Una vuvuzela per la pace 
 :: Lettera aperta ai partecipanti alla Marcia per la pace Perugia-Assisi del 16 maggio 2010 
 :: Il Paese reale 
 :: Vieni anche tu! 
 :: Dal 14 al 16 maggio: Forum della Pace. Non perdere l'occasione! 
 :: E' tempo di reagire! Appello della Marcia Perugia-Assisi 
 :: Caro sig. Ministro, anche la Bosnia? No, non ci posso credere! 
 :: I martiri, l'amore vero e le elezioni 
 :: Marcia Mondiale per la PACE 
 :: MARCIA MONDIALE PER LA PACE E LA NONVIOLENZA - Mantova 
 :: Marcia mondiale della Pace - serata al Papaqua a Mantova 
 :: F35: SIAMO PROPRIO SICURI? 
 :: La Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza 
 :: 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani 
 :: Rifiutiamo la guerra, gridiamo la speranza - Iraq: la tragedia continua  
 :: Morte mons Rahho 
 :: Delegazione internazionale di Pax Christi in Iraq 
 :: Premio nazionale per la Legalità 'Paolo Borsellino' 
 :: Normali stragi? 
 :: LA STORIA DELL'ANGELO SAMUELE 
 :: Dalla parte della speranza 
 ::  L’amore e il servizio 
 :: Perugia-Assisi, il giorno dopo 
 :: Da questa guerra inutile, una pace definitiva per il Medio Oriente? 
 :: APPELLO DI ALEX ZANOTELLI  
 :: Appello dall'Iraq 
 :: Baghdad: ordinaria follia, spari contro la macchina di mons Warduni 
 :: Armi leggere... a confronto con l'etica 
 :: Investimenti etici: società civile, banche e politica ne discutono insieme 
 :: Vuoi che andiamo a strappare la zizzania?  
 :: Pace a caro prezzo - Pax Christi 
 :: CON UNA CARTOLINA GERUSALEMME E' ANCHE PALESTINA! 
 :: Poesia per la Pace 
 :: PACE GIUSTIZIA LEGALITA' NEI CUORI per la CALABRIA 
 :: 40 anni fa don Milani... 
 :: Campagna banche armate 
 :: PROPOSTA DI ORDINE DEL GIORNO DA APPROVARE NELLE ISTITUZIONI ITALIANE A SOSTEGNO DELLA CAMPAGNA PER IL DISARMO IN BRASILE 
 :: X edizione Festival Internazionale Pace Assisi 2005  
 :: Marcia Perugia-Assisi per la giustizia e la pace 
 :: I Corpi Civili di Pace e l'Università di Bologna formano i nuovi Mediatori Internazionali di Pace 
 :: Hiroshima-Nagasaki perchè non si dimentichi mai...  
 :: Una spesa che non serve alla democrazia irachena 
 :: Concerto per la VI Giornata Europea della Cultura Ebraica 
 :: Corso per Mediatori Internazionali di Pace 
 :: Scuola Diritti Umani 
 :: Cessate il fuoco 29/2005 dal 21 al 28/7 2005 
 :: Cessate il fuoco 28/2005 dal 14 al 21/7 2005 
 :: Cessate il fuoco 27/2005 dall'8 al 13/7 2005 
 :: Cessate il fuoco 26/2005 dall'1 al 7/7 2005 
 :: Cessate il fuoco 25/2005 dal 24 al 30/6 2005 
 :: Cessate il fuoco 24/2005 dal 17 al 23/6 2005 
 :: Cessate il fuoco 23/2005 dal 9 al 16/6 2005 
 :: Cessate il fuoco 22/2005 dal 3 al 9/6 2005 
 :: In Puglia insieme per un laboratorio maieutico primaverile 
 :: Cessate il fuoco 21/2005 dal 28/5 al 2/6 2005 
 :: Cessate il fuoco 20/2005 dal 21 al 27/5 2005 
 :: Per la liberazione di Clementina Cantoni  
 :: Cessate il fuoco 19/2005 - dal 14 al 20-5-05 
 :: Cessate il fuoco 18/2005 - dal 6 al 13-5-05 
 :: Cessate il fuoco 17/2005 - dal 29-4 al 5-5 
 :: Cessate il fuoco 16/2005 - dal 22 al 28-4 
 :: Cessate il fuoco 15/2005 - dal 15 al 21-4 
 :: Cessate il fuoco 14/2005 - dall'8 al 14-4 
 :: Cessate il fuoco 13/2005 - dall'1 al 7-4 
 :: Cessate il fuoco 12/2005 - dal 26 al 31-3 
 :: Cessate il fuoco 10/2005 - dal 11 al 17-3 
 :: Cessate il fuoco 9/2005 - dal 4 al 10-3 
 :: La Pace è una bambina (video dell'intervento di don Luigi Ciotti) 
 :: Cessate il fuoco - dal 26/2 al 3/3 2005  
 :: Cessate il fuoco - dal 19 al 25-2 2005 
 :: Accanto a Giuliana, per la fine della guerra 
 :: Lettera a Giuliana Sgrena 
 :: Sandali e anfibi 
 :: NON LASCIARTI VINCERE DAL MALE MA VINCI CON IL BENE IL MALE 
 :: Giornata ecumenica del dialogo cristianoislamico  
 :: Ponti non muri 
 :: La progettazione nazionale e internazionale per esperti in Operazioni per la Pace 
 :: Regola della pace 
 :: Uccidetemi qui 
 :: Per un’alleanza di civiltà 
 :: Appello per la liberazione di Simona Pari e di Simona Torretta e dei due operatori iracheni Ra'ad Alì Abdul-Aziz e Mahnaz Bassam 
 :: Un Ponte per 
 :: Nulla di cristiano 
 :: Accanto alle chiese cristiane irachene 
 :: La guerra infinita 
 :: VINCENZINO E MOHAMED: IL VERO NOME DI DIO-ALLAH E’ AMORE 
 :: Emozioni manipolate 
 :: Il Papa parlerà chiaramente a Bush 
 :: Pur di salvare una vita umana... 
 :: Il realismo dei pacifisti 
 :: FIACCOLATA DEL VOLONTARIATO 
 :: Cronache di una manifestazione annunciata 
 :: NON TRASCURARE LA MEMORIA PERICOLOSA - L’esperienza del campo di Fossoli 
 :: Sabato 20 marzo 2004: il mondo dice si alla pace 
 :: Per una democrazia viva 
 :: IL DIALOGO HA VINTO SUL TERRORE 
 :: UN IMPEGNO SEMPRE ATTUALE: EDUCARE ALLA PACE 
 :: Solidarietà a monsignor Nogaro 
 :: Per onorare davvero tutti i caduti. Sostegno al vescovo Nogaro 
 :: Solidarietà per le vittime di Nassirya 
 :: La marcia in 30 righe 
 :: Dai balconi alle strade 
 :: I messaggi del Papa e del Presidente della Repubblica alla Marcia Perugia Assisi 
 :: 5^ Assemblea de L'Onu dei Popoli 
 :: L'altro terrorismo 
 :: Marcia per la pace Perugia-Assisi 2003 - Appello 
 :: Marcia per la pace Perugia-Assisi 2003 

Avviso pubblico
Associazione Namaste onlus - Ostiglia (MN) - powered website fullxml.com